I pro e i contro del Vendere su Amazon e Ebay

vendere-su-amazon-ebayA prima vista, i mercati online come Amazon ed eBay sembrano essere una creazione di reciproco vantaggio. I proprietari di negozi di e-commerce ricevono una maggiore esposizione per i loro prodotti e i mercati ottengono una gamma di prodotti più estesa senza dover aumentare le scorte.

A un esame più attento invece, i vantaggi reciproci rimangono, ma la realtà è un pò più sfumata. E’ necessario per espandere la tua presenza oltre il tuo negozio online, iniziare a vendere i tuoi prodotti su Amazon ed eBay?

La risposta è, dipende.

Una strategia di mercato può essere un vantaggio per alcuni siti e-commerce e una fregatura per altri. Ci sono molte variabili che devono essere prese in considerazione, incluso il tipo di prodotti che vendi, l’intensità della concorrenza nella tua categoria, le commissioni e le restrizioni del mercato e così via.

Ci sono, tuttavia, alcuni pro e contro che si applicano su tutta la linea. In questo post, esploreremo quei pro e contro, in modo da poter decidere se vendere o meno sui mercati ben informato degli aspetti positivi e negativi.

 

I pro della vendita su Amazon ed eBay

1. Aumentare le vendite da un canale ad alto traffico

L’attrazione principale della vendita su mercati come Amazon ed eBay è la portata della loro presenza online. Amazon attira quasi 184 milioni di visitatori al mese e eBay ospita oltre 164 milioni di acquirenti attivi, un mucchio enorme di occhi che guardano e dita che comprano! 

Secondo Amazon, i venditori registrano in media un aumento del 50% delle vendite quando si uniscono ad Amazon Marketplace.

2. Acquisire nuovi clienti

Nessuno visita Amazon o eBay alla ricerca del tuo negozio. Ma potrebbero cercare e scoprire i tuoi prodotti(e quindi il tuo negozio). Prodotti che potrebbero non aver scoperto altrimenti o che potrebbero aver acquistato da un concorrente.

Una volta che hai un cliente alla porta, anche se si trova in un mercato, hai la possibilità di fare affari ripetutamente con un servizio eccellente e una buona presenza. Ciò è particolarmente vero se vendi prodotti in una categoria che incoraggia acquisti frequenti e ripetuti, come ad esempio forniture per hobby o attrezzi da pesca.

3. Molte persone preferiscono fare acquisti tramite i mercati

I mercati riguardano la forza dei numeri. Ciò vale tanto per i mercati online quanto per gli esempi del mondo reale come i mercati rionali, i centri commerciali e i centri alimentari.

La varietà e l’aspetto tutto in uno del mercato possono attirare molti clienti che preferiscono quel tipo di esperienza di acquisto. I mercati online offrono anche il livello aggiuntivo di checkout a flusso singolo e supporto alla realizzazione al fine di creare un’esperienza senza soluzione di continuità per gli acquirenti.

Contro del vendere su Amazon ed eBay

Anche se ci sono alcuni vantaggi significativi della vendita sui mercati online, ci sono anche alcuni svantaggi che devono essere considerati.

1. Commissioni del Marketplace(o Mercato online)

La creazione di un negozio in un mercato online può potenzialmente accrescere le tue vendite, ma ti espone anche a un altro centro di costo: le commissioni del mercato.

La maggior parte delle commissioni del marketplace viene detratta come percentuale di ogni vendita e può variare da sito a sito e persino da categoria a categoria.

In categorie fortemente mercificate, a basso margine, i numeri potrebbero non sommarsi.

Prima di vendere i tuoi prodotti su un marketplace, devi assicurarti di avere un buon senso dei tuoi margini e una solida comprensione della struttura delle commissioni del marketplace.

2. Controllo limitato

Sebbene l’infrastruttura del mercato abbia molti vantaggi, è importante ricordare che può tagliare in entrambi i modi. I mercati non esistono per aiutarti, ma per aiutare se stessi. Vogliono che l’attenzione sia rivolta ai prodotti, non ai venditori. Ciò significa che potrebbero limitare il grado in cui puoi marchiare la tua presenza, comunicare con i clienti, dettare quali articoli puoi e non puoi vendere, e così via.

Inoltre, non c’è nulla che impedisca ai proprietari dei marketplace, nel caso di Amazon, Sears e così via, di andare in giro per venditori di terze parti, identificare prodotti popolari e immagazzinarli da soli.

3. Mantenere sincronizzato l’inventario

Un marketplace è essenzialmente un secondo punto vendita. A volte non può essere configurato per parlare con il tuo carrello.
In effetti, entrambi replicano lo stesso catalogo, ma non si sincronizzano tra loro, il che rende difficile tenere traccia delle scorte senza un forte intervento manuale.

Come scegliere un mercato

Nel considerare i vantaggi e gli svantaggi della vendita in un marketplace, vale anche la pena di considerare a quale marketplace vuoi unirti.

La risposta allettante è “tutti!”, Ma ogni marketplace ha il suo sistema, i suoi processi, i suoi limiti e le sue stranezze.

Imparare a navigare in questi posti, può richiedere del tempo che probabilmente non hai, quindi è meglio limitarsi a uno o due marketplace a meno che tu non sappia che puoi dedicartici di più.

Due dei mercati più grandi e conosciuti sono Amazon ed eBay.

Amazon

Il marketplace di Amazon prende la più rigida virata al dettaglio e come rivenditore stesso Amazon fornisce strumenti per aiutare i venditori di terze parti a creare un’esperienza di acquisto senza soluzione di continuità per i consumatori.

Alcuni aspetti da considerare quando si vende su Amazon sono:

  • Logistics Amazon, che prevede l’invio in blocco del proprio magazzino prodotti ad Amazon e la gestione della spedizione.
  • Abbonamento Amazon Prime, che incentiva gli acquirenti con un servizio spedizione gratuita in 2 giorni, questo porta una certa reputazione al venditore grazie all’evasione degli ordini veloce e affidabile.
  • Lo shopping comparativo integrato su Amazon (nel bene o nel male) ti mette contro altri venditori.
  • Di solito c’è una tariffa mensile per mostrare i tuoi prodotti su Amazon; le commissioni di riferimento e le altre commissioni vengono addebitate al momento della vendita e variano a seconda della categoria del prodotto (una commissione del 15% per la maggior parte delle categorie).
    Controlla le commissioni per la vendita su Amazon e tienine conto nei tuoi margini quando consideri la vendita nel loro marketplace.

eBay

eBay, d’altra parte, è un enorme mercato per l’acquisto e la vendita di articoli a prezzi fissi e al miglior offerente attraverso un sistema di aste. Laddove Amazon si concentra sull’esperienza di acquisto, eBay offre strumenti e funzionalità per i venditori che semplificano la presentazione del marchio in un negozio eBay.

Prima di decidere di vendere su eBay, considera quanto segue:

eBay ti consente di mettere gli articoli che possiedi all’asta per il miglior offerente, che attirerà molti acquirenti che cercano oggetti usati, unici o difficili da trovare.

Tuttavia, il mercato è ottimo anche per offrire articoli a prezzi fissi. Infatti, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l’86% del volume lordo della merce di eBay proviene da articoli venduti a un prezzo fisso e l’80% degli articoli venduti sulla piattaforma sono nuovi, non utilizzati.
Dovrai capire la spedizione e l’adempimento, da solo o lavorando con un centro di evasione di terzi.

È previsto un costo di inserzione per annuncio, per categoria, ma i venditori ricevono un importo fisso di “annunci gratuiti” al mese a seconda del tipo di account eBay.

Tuttavia ci sono anche opzioni di annunci avanzati, puoi pagare per abbellire la tua inserzione.
Assicurati di controllare le tariffe per la vendita su eBay se stai pensando di vendere qui.

Verdetto finale

Tra Amazon ed eBay, quando si tratta di marketplace su cui vendere, dipende davvero da cosa stai vendendo e dalle dimensioni delle tue operazioni.

Tieni presente che la vendere attraverso il tuo negozio online non significa che non puoi anche vendere i tuoi prodotti attraverso un marketplace per raccogliere i benefici di entrambi(anzi in genere è fortemente consigliato), né vendere in un marketplace significa che non puoi vendere anche in un altro o avere un sito ecommerce(Questo invece è sempre assolutamente consigliato). È saggio prendersi il tempo per capirli uno alla volta.

Molti commercianti di successo fanno proprio questo: “possedere” la propria attività e il proprio marchio online, guadagnando allo stesso tempo esposizione e  vendite dal grande volume di traffico generato sui mercati online.

 



Newsletter

Ultimi Articoli