SEO per siti e-commerce

seo per siti ecommerce

Il tuo sito e-commerce WordPress non affronterà le stesse sfide di un sito ecommerce  IBM Websphere.

Con l’e-commerce, si ha a che fare con una serie di aree in cui le cose possono andare storte. Speriamo che questo articolo ti aiuti a evitare alcune delle insidie che spesso provengono dai tentativi di ottimizzazione di un sito per il commercio elettronico.

Tieni presente che questo non è un elenco esaustivo di tutto quello che devi fare per la SEO di un sito web di e-commerce, ma questi elementi sembrano rappresentarne le fasi più comuni ed importanti.

Contenuti

 

SEO per siti e-commerce

contenuto duplicato

Contenuto generico o duplicato 

Se un azienda produttrice gli fornisce un testo standard per le descrizioni dei prodotti, probabilmente molti rivenditori dotati di siti ecommerce, utilizzeranno quello. Il peccato mortale avviene quando non ci si sforza di lavorare su nessun altro contenuto, in altre aree del sito web.
Vale a dire le pagine di “categoria”, i contenuti del blog condivisi, i contenuti video e così via.
Dovete assolutamente lavorare su tali contenuti e renderli il più possibile originali.

La questione contenuti duplicati sta diventando sempre più interessante. State duplicando il contenuto in più categorie e pagine del vostro sito e-commerce ? State utilizzando altri domini per vendere il prodotto sotto un marchio differente con lo stesso contenuto? I vostri affiliati copiano i vostri contenuti? Queste sono tutte cose che dovrete prendere in considerazione.

Sono disponibili molti strumenti per controllare i contenuti duplicati.

Se sentite che potreste avere un problema con il testo duplicato da altri siti, non vi farà male utilizzare uno strumento come Copyscape per vedere come molti altri siti di commercio elettronico o di produttori possono utilizzare le stesse descrizioni dei prodotti che avete usato voi.
Pensate che questo vi renda migliore e meritevoli di prime posizioni?

 

SEO per siti e-commerce

schema-org

Schema

A volte ci sentiamo un pò come se Google e Bing ci stessero trascinando verso la fine della civiltà umana, con centinaia di “best practice” algoritmiche a cui aderire. In realtà ci ricompensano per alcune di queste richieste con un più ricco numero di posizionamenti tra i primi risultati dei motori ricerca, il che è un bene.

Attenzione: assicuratevi che i prezzi dei prodotti siano migliori di quelli presenti sulla classifica per cui state competendo.

Schema.org fornisce maggiori informazioni per creare questo tipo di markup. Ci sono anche degli strumenti per aiutarvi a verificare se il vostro schema markup stia lanciando errori. Se ritenete che potrebbe essere necessario un aiuto per codificare questi formati, potete anche ricevere assistenza Google per la codifica di schema .

 

SEO per siti e-commerce

contenuto-duplicato

Utilizzo di tag Canonical 

L’utilizzo del tag “canonical” è importante per il commercio elettronico, in particolare quando i prodotti dispongono di attributi come:
vari formati, colori, quantità e così via. 

È inoltre importante non creare accidentalmente script che associno automaticamente un tag canonico “a ogni singola pagina”. Questo, è spesso usato per prevenire problemi legati al furto di contenuti, in modo che l’ “amore per il contenuto” di Google si riversi sempre nei confronti dell’autore originale del lavoro.

Diciamo questo perché abbiamo visto istanze di paginazione su vari siti web e-commerce in cui ogni pagina di risultati ha un url canonico verso se stesso.

Questo, vi porterebbe a finire per avere molte versioni della stessa pagina indicizzate su Google. Piuttosto che vedere queste pagine “combattere” per la stessa classifica, fatele lavorare più cooperativamente per mantenere l’amore di Google associato a una versione della pagina o ad una categoria.

Google evidenzia una preferenza per l’opzione “visualizza tutto” delle pagine di categoria da utilizzare come url canonico per queste, se disponibili. Ciò è utile anche quando viene utilizzata la paginazione per facilitare gli acquisti.

SEO per siti e-commerce

paginazione

Paginazione 

Qualcosa a cui sinceramente non avevamo prestato grande attenzione, fino a poco tempo fa, è l’uso di pagine precedenti e successive (prev / next). Quando hai cinque pagine di “risultati” per una determinata categoria di un prodotto all’interno del tuo sito web e non utilizzi gli prev / next snippet, non stai essenzialmente mostrando a Google la profondità delle offerte del tuo prodotto.

Ad esempio, con 10 risultati su una pagina e cinque pagine di risultati, in realtà hai 50 prodotti sotto una determinata categoria.

Senza codificare correttamente il prev / next, stai mostrando a Google che la tua profondità di categoria è di solo 10 prodotti. Quindi quando Google starà cercando di determinare chi deve classificare per una determinata query e tutti gli altri sembreranno avere così tanti più prodotti disponibili sotto una determinata categoria, potrai scommettere su chi sarà il perdente.

Esempi di codice:

Pagina Categoria base: Mostra solo il tag rel = “next” e il tag canonico

  • <Link rel = “canonical” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/all” />
  • <Link rel = “next” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/?page=2” />

Seconda pagina dei risultati delle categorie: Mostra rel = “prev”, rel = “next” e il tag canonical

  • <Link rel = “canonical” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/all” />
  • <Link rel = “prev” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/” />
  • Nota questo non include l’URL “? Page = 1” in quanto è equivalente all’URL della categoria di base che in genere non include nativamente un valore “page =”
  • <Link rel = “next” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/?page=3” />

3ª pagina dei risultati delle categorie: include anche l’insieme completo di tutti e 3 questi tag ‘rel =’

  • <Link rel = “canonical” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/all” />
  • <Link rel = “prev” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/?page=2” />
  • <Link rel = “successivo” href = “http://www.tuo-sito.com/categoria/?page=4” />

SEO per siti e-commerce

Merchandising e pagine di categoria 

Le pagine categoria sono i luoghi in cui i siti web di e-commerce vivono o muoiono. Le persone non amano più cercare specificamente il nome di un prodotto. Cercano frasi generiche come “Banchi per scuola”, “vestito rosso da donna” o “regali di compleanno per lui”. Spesso gli stessi prodotti sono commercializzati attraverso diverse pagine di categoria.

Utilizzando la ricerca di parole chiave, determinate come il vostro pubblico sta cercando. Di conseguenza costruite le pagine e commercializzate i vostri prodotti.

Quindi create contenuti che riflettano ciò che la gente cerca e come lo cerca.

Vendete prodotti che sono conosciuti per il loro Codice produttore?

Se siete rivenditori B2C, sappiate che molti utenti Web possono cercare un prodotto comunemente conosciuto utilizzando come parola chiave, versione e modello.

Per i marketer B2B, sappiate che il gestore di uno stabilimento prima di sedersi alla tastiera per cercare un pezzo che si è rotto, potrebbe esaminarne l’ ID di produzione. Ciò può aiutare a distinguervi dalla concorrenza della vendita al dettaglio.

 

SEO per siti e-commerce

url seo

URL 

Molto comunemente, le più grandi piattaforme di e-commerce produrranno un grande piano per generare i loro URL.

Oggi i motori di ricerca sono molto più bravi a scansionare e indicizzare. Le piattaforme ecommerce sono molto migliori nel generare strutture URL pulite. Anche se questo non è più il grosso problema di una volta, è comunque sempre un qualcosa da tenere a mente.

Abbiamo incontrato situazioni in cui la paginazione ha finito per creare URL separati che sono stati indicizzati ciascuno per se. Ciò ha determinato duplicazione di contenuto. Anche se non confermato, è abbastanza possibile che il sistema crei anche i tag auto-canonici, di cui abbiamo parlato prima.

 

SEO per siti e-commerce

ricerca-sul-sito

Ricerca sul sito 

La ricerca sul sito web è una cosa importante per chiunque, ma in particolare per il commercio elettronico.

Comprendere come la gente ricerca i vostri prodotti non solo vi aiuta con i vostri sforzi di ricerca a pagamento (Adwords). Può anche aiutarvi a comprendere meglio le pagine che potreste creare e come vendere i vostri prodotti. L’interfaccia di collegamento scalabile (SLI) utilizza la tecnologia di ricerca dell’apprendimento per capire il comportamento degli utenti nella ricerca sui siti web. Questo aiuta a creare dinamicamente pagine per chiavi di ricerca dalla coda lunga.

Ma che utilizziate o no, un motore di ricerca sul vostro sito, costruito da terze parti, dovete assicurarvi che le query di ricerca che generano url, non finiscano indicizzate sui motori di ricerca.

Utilizzate robot.txt per escludere che ciò accada.

 

SEO per siti e-commerce

passare a https

Spostarsi in HTTPS 

Molti possessori di siti ecommerce, stanno spostando i propri siti web in HTTPS.

Mentre forse questa è un ottima cosa per il lavoro a lungo termine, i benefici a breve termine sono molto aleatori, e da verificare.

Se lo fate, ci sono alcune cose di cui dovete essere consapevoli. Non dimenticate di aggiornare i tag canonici da HTTP a HTTPS.

Dovete anche creare un nuovo profilo Webmaster di Google in HTTPS e inviare le nuove Sitemap.

 

SEO per siti e-commerce

sitemap

Sitemaps 

Aggiornate le sitemaps se doveste scegliere di passare a HTTPS. A parte questo, un sito web e-commerce deve mantenere una produzione fresca di pagine e URL per le Sitemap XML.

Semplificate il mantenimento del sito web dividendo le Sitemap per categorie del sito. In questo modo potrete aiutarvi a individuare più rapidamente i problemi all’interno di una determinata area del sito.
Inoltre, dovreste avere delle Sitemap separate per video, immagini e mobile, se non lo fate già.

 

SEO per siti e-commerce

affiliati ecommerce

Affiliati e Scrapers di contenuti

Se lavorate con un programma di affiliazione, tenete d’occhio ciò che queste persone stanno facendo e assicuratevi che la piattaforma di affiliazione e il fornitore di servizi SEO stiano facendo lo stesso.

Gli affiliati a volte diventano piuttosto aggressivi per guadagnare la loro percentuale. E’ divertente vedere come si ingegnino per ottenere una commissione.

Ma abbiamo assistito a link di affiliazione, postati nei siti pornografici. Numerosi casi di contenuti copiati. Persino intere duplicazioni di sito web ospitato in un dominio simile. Quindi occhi aperti.

Un programma di affiliazione robusto e ben gestito può portare vendite e essere un bene prezioso nel vostro arsenale di marketing. Ricordate sempre che non lavorano per voi. Lavorano per se stessi.

Proprio come per un gruppo di venditori indipendenti, è necessario formarli su quello che possono e non possono fare e dire per quanto riguarda il vostro marchio.

Dovete inoltre essere chiari su ciò che il vostro marchio considera “off limits” quando si tratta di promuovervi.

Alcuni fattori chiave da ricordare quando si esegue un programma di affiliazione:

  • Assicuratevi di avere termini e condizioni dettagliati che descrivono ciò che è consentito e ciò che non lo è.
  • Ciò vi consente di non riconoscere commissioni se un affiliato viene sorpreso a violare le regole.
  • Utilizzate reti di affiliazione affidabili e assicuratevi di informarvi sugli standard di qualità della rete.
  • Ricordate che non tutte le piattaforme affiliazione sono create uguali.
  • Gli affiliati possono influire sul SEO.
    Ciò dipende da come vengono collegati al vostro sito e come agiscono in modo aggressivo dopo aver intercettato il traffico del vostro marchio.
  • Anche se non è possibile specificare il posizionamento per gli elenchi organici, potrete regolare come e dove, oltre al testo utilizzato, quando un affiliato promuove link al tuo sito web sul canale Adwords o altri sistemi di advertising.
  • Assicuratevi di fornire ai vostri affiliati regolarmente Materiali promozionali digitali aggiornati e mantenere uno standard di comunicazione.
  • Non essere proattivi in questo può provocare una perdita di affiliati motivati. Oppure può generare in questi, comportamenti indipendenti, che sfociano nell’autoproduzione di questo materiale.
  • Chiudete i rapporti con i publisher di affiliazione se li sorprendete a violare i termini e condizioni da voi posti.

Un sacco di tempo speso sulla conformità tra piattaforma

Essere in grado di guardare la registrazione video di una visita a volte può farci scoprire dove gli elementi di una pagina falliscono. Inoltre fornisce anche informazioni su come migliorare l’esperienza utente. Uno dei più fantastici strumenti per questo obiettivo è Lucky Orange. Esso può consentirvi di determinare il motivo per cui i tassi di conversione di una pagina hanno toccato il fondo. Anche il suo Form Field Analytics consente di valutare il processo di pagamento per vederne i suoi difetti. Contribuendo ad aumentare i tassi di conversione e diminuire l’abbandono del carrello.

Questo articolo può anche non essere un elenco completo di tutto ciò che rientra in uno sforzo SEO per il commercio elettronico.  Mette però in evidenza molte delle cose che succedono in questo momento sul mercato.

Ricevere le vostre impressioni sulle questioni più importanti che avete affrontato nel SEO per l’ecommerce è per noi un bellissimo terreno di confronto.

Per favore condividi la tua storia e le tue esperienze nella sezione commenti qui sotto!



Lascia un commento

Seguici su facebook!

Vuoi un aiuto dagli esperti del nostro Blog?

Assistenza siti web
GUIDA WORDPRESS
Guida Wordpress
GUIDA WOOCOMMERCE
Guida Ecommerce Wordpress
GUIDA OPENCART
Guida Ecommerce opencart

Le Nostre Offerte

Abbiamo scelto di creare i nostri siti internet con WordPress e fornire ai nostri Clienti il massimo della affidabilità e della potenza di questa piattaforma CMS.

offerte siti wordpress

offerte siti ecommerce

assistenza wordpress

servizi seo

offerte hosting

Contattaci

Vuoi un preventivo personalizzato?
Vuoi maggiori dettagli?
Hai commenti?

Saremo lieti di risponderti!

Newsletter

Ultimi Articoli