Metodi di Pagamento

metodi di Pagamento
Metodi di pagamento più usati in Italia

Circuiti di carte nazionali preferiti

Visa è il circuito più utilizzato in Italia con il 56.2% di quota.

carte-di-credito-italia

Metodi di Pagamento E-commerce

Metodi di Pagamento E-commerce Alternativo

My Bank

è una soluzione e-authorisation che permette a chi acquista su un sito e-commerce di effettuare autenticazione d’identità e pagamenti digitali sicuri  tramite il proprio portale di banking online o attraverso l’applicazione mobile.
Si tratta di un’infrastruttura che facilita i servizi di un sito e-commerce in tempo reale tra la banca di chi vende e quella di chi acquista in tutta Europa.

Voucher Prepagato

è un buono elettronico che può essere riscattato tramite un SMS e trasferito istantaneamente nell’account di un utente per essere immediatamente utilizzato.

Carta Prepagata

è una carta di pagamento con all’interno del valore monetario, e non richiede un conto in banca.

Pay Pal

Metodi di pagamento – PayPal

è un metodo di pagamento online e di trasferimento di denaro che permette di inviare denaro per email, per telefono, per messaggi o tramite Skype. Fondata nel 1998, PayPal offre servizi sia ai provati che alle imprese, inclusi venditori online, siti di aste e utenti aziendali. E’ uno dei metodi di Pagamento ecommerce più diffusi al mondo.

Vuoi creare un Sito E-commerce

Ti aiutiamo noi!

Creiamo il tuo sito completo e sicuro al 100%
I nostri pacchetti di creazione siti e-commerce sono chiavi in mano.

Vuoi creare un sito E-Commerce?

Ti aiutiamo noi!

Creiamo il tuo sito completo e sicuro al 100%
I nostri pacchetti di creazione siti e-commerce sono chiavi in mano.

Neosurf

è un voucher prepagato. Il cliente acquista un voucher da un punto vendita, come ad esempio un edicolante. Il voucher ha valore nominale e il cliente può fare acquisti fino al valore del voucher. Qualsiasi valore non utilizzato viene conservato nel voucher per utilizzi futuri. Questi metodi di pagamento si stanno diffondendo velocemente man mano che il mondo off line e online si integrano.

metodi-di-pagamento-italia

Metodi di Pagamento Mobile E-commerce

Metodi di pagamento Mobile in Italia

Pagamento tramite dispositivi mobili

L’utilizzo dei contanti è ancora il metodo di pagamento tradizionale più usato in Italia e la sicurezza è un tema molto importante per gli utenti italiani.
Una recente ricerca, sulla percezione e l’atteggiamento nei confronti dei pagamenti digitali, effettuata dalla SWG su un campione di 1000 cittadini italiani ha mostrato due differenti andamenti con una netta distinzione tra una parte della popolazione avversa all’utilizzo dei metodi di pagamento digitali (definiti “low user”, che sono circa il 35% degli intervistati) e una parte che al contrario è altamente digitalizzata e vorrebbe ulteriori opportunità per l’utilizzo di forme digitali di pagamento (definiti “heavy user”, circa il 25% degli intervistati).
Il 65% degli italiani crede che i pagamenti elettronici dovrebbero migliorare la sicurezza, la semplicità di utilizzo (miglioramenti per rendere l’esperienza-utente più semplice) è importante solo per il 25% del campione.
La differenza tra i low user e i heavy user deriva da due fattori: l’attitudine culturale rispetto al mondo digitale, in senso lato, e l’esperienza pratica insieme al grado di consapevolezza dell’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici.
La sezione dei Mobile Payment in Italia fornirà i dettagli sulle similitudini e le differenze tra i fornitori di servizi finanziari mobili e le soluzioni disponibili nel mercato italiano.

Mobile Wallet

Il mobile wallet è un’opzione fornita dalle principali banche, dagli operatori di telecomunicazioni e dai commercianti. La maggior parte abilita i pagamenti in negozio oppure online tramite l’utilizzo di una carta di credito collegata al wallet (portafoglio virtuale). Il tipo di transizione è CNP (Card–Not-Present ossia Senza Carta) in entrambi i casi.
Nel caso del mobile wallet, che consente anche i pagamenti ravvicinati tramite la tecnologia NFC, l’acquisto in negozio viene effettuato tramite contatto, grazie all’uso di una carta di pagamento “dematerializzata” memorizzata nel Secure Element (SIM incorporata). In questo caso la transazione avviene tramite un terminale POS ed è CP (Card-Present ossia Con Carta).

Mobile Wallet

Ecco un elenco dettagliato con le soluzioni disponibili del mobile wallet:
A Ottobre del 2014, CheBanca! ha inaugurato la sua soluzione wallet chiamata

WOW

Con WOW i clienti possono pagare le bollette, trasferire denaro con SendMoney, funzione offerta da PayPal, fare ricariche telefoniche, pagare le bollette Telecom Italia, confermare con lo smartphone il pagamento di un acquisto fatto tramite circuito MasterPass.

YouPass

A Luglio del 2014, la BNL Gruppo BNP Paribas ha lanciato il suo wallet basato sulla tecnologia NFC, chiamato YouPass.
A Giugno del 2014, TIM ha lanciato TIM Wallet, una soluzione basata sull’ NFC. Telecom Italia punta a incrementare l’utilizzo dei mobile payment e ha reso disponibile il TIM Wallet in tutta Italia, dopo averlo collaudato nell’area di Milano per due anni.

Mediolanum Wallet

A Giugno del 2014, la banca Mediolanum ha lanciato il suo Wallet basato su tecnologia NFC.

Vodafone Wallet

Ad Aprile del 2014, Vodafone ha lanciato il suo Wallet basato su NFC.

Up Mobile Banca Sella

Nei primi mesi del 2012 la Banca Sella ha lanciato il suo UP Mobile wallet, basato sui QR Codes. La Banca Sella svolge anche il ruolo di merchant per i commercianti che vogliono utilizzare UP Mobile. L’UP Mobile è utilizzata anche per le transazioni online.

Wallet “Move and Pay”

A Dicembre del 2011, la banca Intesa Sanpaolo ha lanciato il suo wallet “Move and Pay” basato sulla tecnologia NFC (inizialmente supportato solo dalla compagnia di telecomunicazioni Noverca).
A Luglio del 2009, la Banca Popolare di Sondrio ha lanciato il Mobile Wallet, soprannominato WiW Mobile, sviluppato e offerto da Siteba (che è ora una compagnia del gruppo ICBPI).

Metodi di Pagamento POS Mobile E-commerce

Le soluzioni POS Mobile

Uno sguardo più da vicino al mercato dei POS mobili ci permette di considerare i seguenti scenari:

  • soluzioni di POS mobili offerte dai nuovi arrivati;
  • soluzioni di POS mobili offerte dai tradizionali fornitori di servizi di pagamento.

Nel primo caso, i nuovi arrivati utilizzano un approccio di acquisizione integrale aggressivo tramite una disintermediazione delle tradizionali banche acquirenti. Possono offrire questo servizio, sia in veste di Facilitatore del Pagamento (in Italia devono essere degli istituti di pagamento) sia come Agente degli Acquirenti (nella maggior parte dei casi acquirenti transnazionali).
Nel secondo caso, le soluzioni di POS mobile sono offerte dalle banche tradizionali tramite l’utilizzo dei propri Acquirenti.
Gli operatori di telecomunicazioni sono principalmente coinvolti in qualsiasi proposta ma, in alcuni casi, forniscono delle reti di vendita a beneficio degli attori coinvolti nei POS mobili.

In Italia i maggiori concorrenti nel marcato dei POS mobili sono:

Nuovi Metodi di Pagamento E-commerce

Nuovi Arrivati dei Servizi di Pagamento

Payleven

Nel settembre del 2014, il Cambielli Edilfriuli Group, un gruppo nazionale di distribuzione di articoli idrotermosanitari è entrato a far parte di una partnership di distribuzione. Secondo i termini dell’accordo, il lettore di carte chip & PIN Payleven, sarà disponibile nei 200 negozi del Cambielli Edilfriuli Group presenti in tutta Italia.
La soluzione offerta da Payleven permette agli imprenditori di accettare pagamenti con carta ovunque si trovino senza costi fissi.
La soluzione è compatibile con il nuovo regolamento che impone a tutti i proprietari di imprese e ai professionisti di accettare pagamenti con carte di debito per ogni transazione superiore ai 30 €.
Secondo questo accordo, i clienti possono prendere il dispositivo, senza costi aggiuntivi, in qualsiasi punto vendita Cambielli, dopo la registrazione online.
Il lettore di carte si connette tramite Blootooth a smartphone o tablet. Inoltre a Settembre del 2013, Payleven ha siglato un accordo con l’istituto finanziario Poste Italiane che ha messo a disposizione tale servizio per tutti i clienti Banco Posta.
Utilizzando Payleven le piccole e medie e imprese, così come i freelancer, possono accettare i pagamenti con carte di credito e di debito tramite un applicazione per smartphone e tablet.

JUSP

Jusp, un POS mobile per smartphone, tablet e PC, ha annunciato la disponibilità per la vendita nel mese di luglio del 2014. In seguito ad un programma pilota, la compagnia ha messo a disposizione il suo mobile POS a più di 3000 agenti in tutta Italia.

Wallet-E - Wallet-ABILE

A novembre del 2013, Infracom Italia SpA, un operatore di telecomunicazioni nazionali e data center, e Wallet-E hanno firmato un accordo per lo sviluppo e l’innovazione dei servizi di pagamento.

Moneynet (società del gruppo Bassilichi) – DoctorPay;

 

Metodi di Pagamento E-commerce Tradizionali

Fornitori Tradizionali dei Servizi di Pagamento

  • Banca Popolare di Vicenza, con la soluzione POS-sibile;
  • CartaSi (Gruppo ICBPI);
  • UBI Banca
  • Banca Intesa Sanpaolo, con la soluzione “Move and Pay Business”;Nel novembre del 2013, Vodafone Italia ha unito le forze con l’istituto bancario Intesa Sanpaolo e il suo mobile payment sussidiario Setefi per sviluppare un kit di pagamento senza contanti destinato agli operatori in Italia che ancora non hanno un sistema POS. Il kit sviluppato dalle tre compagnie consiste in uno smartphone o tablet fornito da Vodafone e da ‘Mobile Move and Pay Business’ di Setefi.Il lettore mobile POS offerto, accetta pagamenti con Visa, MasterCard e le carte del consorzio Bancomat. Anche se non vi è alcun canone o costo di attivazione per il lettore, i clienti devono pagare una tassa per ogni transazione effettuata basata sull’effettivo utilizzo. Dopo aver scaricato l’applicazione gratuita per Android e iOS, lo smartphone o tablet Vodafone si connette al POS tramite Bluetooth e i clienti possono iniziare a ricevere i pagamenti per i beni o i servizi offerti.In teoria, il mercato dei mobile POS in Italia dovrebbe beneficiare del Decreto Ministeriale del 9 Gennaio 2014 (chiamato “Obbligo POS”), entrato in vigore il 1 Luglio del 2014. Il Decreto obbliga i commercianti ad accettare pagamenti elettronici per acquisti superiori ai 30 € ma, l’assenza di sanzioni in casi di non osservanza, indeboliscono l’applicazione. Di conseguenza l’incremento che ci si aspettava sul mercato del mobile POS non è avvenuto.

Circuiti Supportati - Metodi di Pagamento

  • MasterPass
    La soluzione digitale di MasterCard, è diventata disponibile agli inizi di Marzo 2014, in seguito all’accordo di MasterCard con gli istituti finanziari del paese e un crescente numero di rivenditori. Il nuovo servizio è disponibile per i clienti tramite la propria banca, tra cui Banca Generale, BNL Gruppo BNP Paribas, BPM Banca Popolare di Milano, UBI Banca, Findomestic, CheBanca!, Banca Monte dei Paschi di Siena. Ad oggi circa 4000 rivenditori italiani si sono iscritti a MasterPass (Media World. Esselunga, Monclick, Meridiana ecc.). I consumatori italiani potranno utilizzare il servizio quando acquistano da ogni tipo di dispositivo.
  • Visa
    ha annunciato che sta rimpiazzando il suo wallet digitale V.me con Visa Checkout, un nuovo servizio di pagamento che permette ai consumatori degli Stati Uniti, del Canada e dell’Australia di pagare online “in pochi click”.
    Visa Europe continuerà a supportare V.me e ha promesso di investire circa 200 milioni di euro nel servizio di digital wallet. V.me by Visa che sarà disponibile in Italia, così come in Germania, Irlanda, Norvegia e Svezia alla fine del 2014.

Operatori Mobili Supportati - Metodi di Pagamento

L’ Italia ha cinque operatori telefonici principali (uno dei quali è un MVNO – PosteMobile – che si è evoluto in un MVNO Completo) che mettono a disposizione dei consumatori dei servizi di mobile payment: Telecom Italia (TIM), Vodafone, Wind, H3G, PosteMobile. Ognuno di questi è impegnato in diverse iniziative in base al tipo di servizio di pagamento mobile che mettono a disposizione:

Metodi di Pagamento in Negozio

Mobile proximity (NFC) per gli acquisti in negozio – pagamenti in prossimità

In questo caso, gli operatori telefonici forniscono un servizio praticamente immobiliare per la SIM che possiedono, affittando alle banche una parte del UICC (Universal Integrated Circuit Card) come Secure Element. All’interno del Secure Element è ospitata un’Applicazione di Pagamento Mobile Contactless(cioè un’applicazione di pagamento EMV). Avendo, in questo caso, una Carta di Pagamento immateriale (ad esempio una carta di credito o una carta prepagata) integrata nel Secure Element, gli operatori telefonici sono in grado di lavorare in una sorta di ecosistema sviluppato anche dal processatore di pagamenti italiano SIA, di proprietà della banca, e in cui tutti i soggetti interessati sono interoperabili.

Gli operatori telefonici forniscono inoltre il proprio Mobile Wallet, tramite il quale possono offrire ai clienti (cioè i titolari delle carte/abbonati alla rete) una G.U. semplificata (Interfaccia Utente) e la possibilità di memorizzare altre applicazioni (applicazioni di pagamento o applicazioni di non pagamento come carte fedeltà, coupon e la produzione e la vendita di biglietti di trasporto.

Ecco un elenco dettagliato dei più recenti sviluppi riguardanti gli operatori telefonici:
Nell’aprile del 2014, Vodafone Italia ha introdotto SmartPass, un sistema di pagamento mobile, e Vodafone Wallet. Il sistema SmartPass si basa sulla tecnologia NFC che permette ai clienti di pagare i prodotti e i servizi acquistati semplicemente avvicinando il proprio smartphone al terminale di pagamento. Il PIN è richiesto solo per gli importi superiori ai 25 €.

Più di 150,000 POS in Italia supportano l’NFC e questa tendenza è destinata a crescere grazie all’espansione del circuito Maestro.
In precedenza, Vodafone aveva lanciato SmartPass negli altri mercati europei e ora in Italia sta lavorando con MasterCard, Maestro e CartaSi per integrare il sistema per il pagamento con carta di credito.
Con l’applicazione Vodafone Wallet per smartphone, i clienti possono configurare i loro account con i dettagli della carta, così come con le carte fedeltà e Biglietti di trasporto. Questa può essere utilizzata per i pagamenti con SmartPass.

Per usare SmartPass, i clienti hanno bisogno di uno smartphone con tecnologia NFC e una SIM. Vodafone stima che ci siano già più di 8 milioni di smartphone con NFC in uso in Italia e ha rilasciato 200,000 SIM che supportano tale tecnologia.

Wind - Metodi di Pagamento

A Luglio del 2013 l’operatore telefonico Wind si è unito a BNL BNP Paribas Group, il Gruppo SIA e MasterCard per collaudare un servizio di pagamento mobile senza contatto. Il servizio sperimentato permette ai clienti italiani di effettuare pagamenti tramite i loro smartphone Samsung con NFC nei punti vendita che accettano MasterCard PayPass. Gli acquisti vengono effettuati tramite le classiche carte di credito emesse dalla BNL e digitalizzate in una SIM con NFC fornite da Gemalto. Per accedere al servizio, gli utenti scelgono il dispositivo mobile come metodo di pagamento tramite l’applicazione ‘YouPass BNL’ e posizionano lo smartphone vicino al dispositivo POS. Gli utenti possono anche accedere ad una Pannello delle transazioni effettuate senza contatto tramite un portale web dedicato che si trova sul sito della BNL.

Poste Mobile - Metodi di Pagamento

Ad Ottobre del 2014, l’MVNO PosteMobile ha lanciato una nuova gamma di schede abilitate alla tecnologia NFC, chiamate ‘Super SIM NFC’, disponibili in tutti gli uffici postali italiani. La SIM card permette ai clienti di utilizzare i loro smartphone per pagare con le carte Postamat e Postepay.
PosteMobile introdurrà, inoltre, una più ampia gamma di servizi avanzati per la Super SIM NFC che includono agevolazioni per i pagamenti dei trasporti e programmi di fedeltà e di coupon.

A Luglio del 2014, Vodafone Italia ha annunciato che sta lavorando con la catena di Eataly ad un progetto pilota che permette ai 2,500 componenti dello staff di ordinare e pagare beni alimentari, consegnati a domicilio, tramite smartphone con NFC o scansioni del QR code.

A Maggio del 2013, le compagnie di trasporti pubblici italiane TPER (Transport Passenger Emilia-Romagna), ANM Napoli e START Romagna, hanno firmato un accordo con Telecom Italia e il Gruppo SIA per sviluppare e testare una piattaforma mobile per i biglietti, che permetta ai cittadini italiani possessori di smartphone di convalidare il proprio titolo di viaggio direttamente attraverso il proprio telefono.

Questo progetto è iniziato in seguito alle istruzioni fornite dal Ministero Italiano dei Trasporti contenute all’interno della Agenda Digitale che prevede la diffusione di biglietterie elettroniche, interoperabili a livello nazionale.
Il Sistema utilizza la tecnologia NFC. Tale sistema, che verrà creato da Telecom Italia e dalla SIA (tramite la filiale TSP) in collaborazione con le compagnie di trasporti, sarà impostato per garantire una piena interoperabilità, sia tra gli operatori di telefonia mobile che le compagnie di trasporto secondo i livelli standard del GSMA. La piattaforma sarà, inoltre, aperta ad altre compagnie di trasporto e ad altri operatori di telefonia mobile locali.

Mobile Remote (SMS, SimToolkit, App) per i casi P2P e P2B

Pagamento con dispositivi portatili da remoto

Fino ad ora, gli operatori di telefonia mobile italiani non sono coinvolti in nessun tipo di iniziativa che riguardi i Mobile Remote Payment P2P o P2B. L’unica eccezione è PosteMobile, con il suo collaudato Remote Financial Service fornito tramite l’associazione della SIM all’account della carta PostePay o BancoPosta.

Alcuni operatori di telecomunicazioni come TIM o Vodafone hanno annunciato di voler offrire un servizio P2P tramite l’utilizzo del loro Mobile Wallet (vedi sopra la sezione “Mobile Wallet”).

3. Carrier billing (SMS)
In Italia, da aprile 2011, il più grande progetto per i servizi di carrier billing è MobilePay, una piattaforma di pagamento creata da sei operatori di telefonia mobile: Fastweb, Poste Mobile, Telecom Italia Mobile, 3 Italia, Vodafone e Wind. Il servizio è offerto da Netsice (una compagnia del gruppo Gemalto). MobilePay è disegnata per abilitare i micro pagamenti per i servizi digitali, tramite l’utilizzo di smartphone, PC e tablet.

MobilePay permette ai clienti di comprare sia contenuti individuali che sottoscrivere dei servizi. Con MobilePay, tutti gli utenti hanno bisogno del proprio telefono cellulare per comprare prodotti digitali e non richiede una carta di credito o un conto corrente bancario. Il costo del contenuto verrà detratto direttamente dal credito telefonico, se il cliente utilizza una carta ricaricabile, oppure verrà addebitato sul conto telefonico in caso di abbonamento.
Altre città offrono un servizio simile. La prima è stata Firenze, che nel 2012 ha promosso questo servizio tramite la rete di autobus ATAF in collaborazione con TIM, Vodafone, Wind e 3 Italia. Con più di 2 milioni di biglietti venduti alla fine del 2013, all’inizio di Ottobre 2014 lo stesso servizio è stato attuato in altre 10 città in collaborazione con le compagnie di trasporti locali: Savona, Bari, Genova, Treviso, Mantova, La Spezia, Pisa, Prato, Brescia e Pistoia.

Ai primi di Luglio 2014, ci sono stati altri due annunci riguardanti i servizi forniti dall’agenzia A-Tono, anche questa volta in collaborazione con gli operatori di telecomunicazioni TIM, Vodafone, H3G e Wind. Dal 9 Luglio 2014, a Vicenza è possibile utilizzare il proprio credito telefonico per acquistare biglietti elettronici e, dal 22 luglio dello stesso anno, a Padova, dove il servizio era già attivo dalla fine del 2013 ma disponibile solo per i trasporti urbani, il servizio è esteso anche alle linee suburbane.

Ad aprile del 2014, il fornitore europeo di mobile payment DIMOCO ha implementato, in Italia, un nuovo servizio di fatture digitali attraverso un carrier billing diretto.
Con questa soluzione, gli imprenditori possono ospitare ed etichettare la pagina di pagamento all’interno della loro pagina con design aziendale individuale (individual corporate design). I contenuti digitali vengono fatturati tramite one-click-payment.

Istituzioni Finanziarie Supportate

Le istituzioni finanziarie agiscono anche come fornitori di servizi di pagamento (PSP Payment Services Provider) (ossia le banche, gli istituti di pagamento, le emittenti di eMoney e le Poste) e sono coinvolte in diverse iniziative riguardanti i pagamenti mobile, in base al servizio fornito:

  1. Mobile proximity (pagamenti in prossimità) con tecnologia NFC per gli acquisti in negozio;
  2. Mobile Proximity con QR Code;
  3. Mobile Remote (pagamenti con dispositive portatili da remote) con QR Code per gli acquisti online e il pagamento dei bollettini postali;
  4. Mobile Remote (SMS, SimToolkit, App) per i casi P2P e P2B;

Nel primo caso (Mobile NFC), la SIA (uno dei principali processatori bancari italiani che fornisce uno snodo TSM, rendendo tutte le parti interessate (banche e operatori di telecomunicazioni) interoperabili.
Nel secondo e nel terzo caso, la Banca Popolare e la Banca Sella con il suo UP Mobile wallet, disponibile dal 2012, e l’Applicazione YouPay Mobile disponibile dal 2014, ha proposto una soluzione di Mobile Payment basata su QR Code.
Per l’ultimo caso (Mobile Remote for P2P o P2B), la SIA ha annunciato (il 16 ottobre 2014) un servizio di trasferimenti di denaro mobile compatibile con SEPA, chiamato “Jiffy”, che permette agli utenti di inviare e ricevere denaro da e verso i propri contatti smartphone. Il servizio, che utilizza il trasferimento di crediti SEPA, è disponibile su Android, iOS e Windows Phone.

L’applicazione “Jiffy” collega i conti correnti, il codice IBAN e il numero di telefono dell’utente. All’interno dell’applicazione, gli utenti possono selezionare il destinatario dalla propria lista contatti, inserire l’importo e inviarlo. Anche i destinatari devono essere registrati al servizio per ricevere il denaro trasferito.
L’applicazione include un invito alla registrazione. L’UBI Banca sta rendendo il servizio disponibile nella sua rete. Anche la banca Intesa Sanpaolo ha rivelato di voler estendere I servizi nel prossimo futuro.

Le banche italiane sono coinvolte in diversi progetti riguardanti i Mobile Wallet e i POS mobile; vedi sopra (nella sezione “Mobile Wallet” e “POS mobile”) una lista dei servizi forniti.

Metodi Mobile Supportati dai Commercianti

L’unico progetto di mobile payment sostenuto dai commercianti italiani è offerto dal Consorzio Movincom. Nato a Luglio del 2008, Movincom riunisce e rappresenta le imprese e le istituzioni interessate a sviluppare pagamenti mobile per beni e servizi.

Movincom
ha sviluppato un sistema base per i pagamenti effettuati tramite cellulare, che permette a tutte le compagnie del consorzio di riceve il pagamento dal telefono. Questo sistema semplifica il processo di scelta e acquisto specialmente per i clienti con applicazioni e lettori di codici bidimensionali.

Il consorzio raggruppa e rappresenta diverse entità presenti all’interno del circuito BeMoov, il sistema di mobile payment promosso dal consorzio comprende:

  • Commercianti: aziende, imprese o fornitori di servizi (pubblici e privati) interessati ad avviare un canale mobile per la vendita, il pagamento e l’accesso ai servizi da parte dei loro clienti;
  • Aggregatori: soggetti come associazioni di settore che aggregano gli operatori che potrebbero essere interessati a fornire servizi di commercio mobile.

Ad oggi, ci sono più di 40 Merchant e membri partner del Consorzio che stanno potenzialmente sviluppando più di 1700 strutture a livello nazionale. Rappresentano dieci categorie, tra il settore pubblico e privato, che vanno dal tempo libero a servizi di pubblica utilità.

BeMoov è un Mobile Wallet e il pagamento può essere effettuato utilizzando una carta di credito collegata al Wallet.

Altre iniziative nel campo dei Mobile Payment

Oltre ai più importanti sviluppi descritti in questa sezione, esistono altre offerte di proposte di pagamento mobile in Italia.
Sistemi integrati come Auriga, CWBI, TAS basati su MyBank, un sistema di pagamento fornito alla community bancaria di proprietà e gestione della PRETA S.A.S. e sviluppata da EBA Clearing.

  • Auriga
  • CWBI
  • TAS

Ad ottobre del 2014, CartaSI (Gruppo ICBPI), insieme a Visa Europa e Equens (un’altra compagnia del gruppo ICBPI), ha annunciato il supporto di nuovi dettagli per i pagamenti con NFC nel Wallet chiamato MySi, disponibile dalla fine del 2014.

Fornitori dei Servizi di Pagamento

Adyen: azienda indipendente multicanale globale di pagamenti che offre alle aziende una soluzione di pagamento totalmente outsourcing. L’azienda supporta tutti i più importanti canali di vendita, incluso l’online, il mobile e il POS.
BNL POSitivity: una joint venture tra BNL e First Data, dedicata alla gestione delle operazioni di pagamento tramite POS.
CartaSi: fornitore di servizi di carte di credito in Italia, serve 700 sportelli bancari, 415.000 commercianti e 7 milioni di clienti.
ConsorzioTriveneto: un’azienda che si occupa principalmente delle elaborazioni dei pagamenti con carte di credito e carte di debito tramite un servizio di POS. Attualmente, il Consorzio Triveneto contribuisce al 15% del fatturato totale generato dalla sua compagnia madre.
Digital River: un cloud-commerce globale, pagamenti e soluzioni di marketing per le aziende di software, elettronica di consumo, videogiochi, giochi per computer e altri mercati.
Dovetail: soluzioni di classe enterprise che supportano l’elaborazione dei pagamenti bancari. Il Payment Services Hubs di Dovetail automatizza l’elaborazione di una vasta gamma di pagamenti, dai bulk ACH (Automatic Clearing House) fino all’accordo globale RTGS (Real Time Gross Settlement), supportandola sia attraverso il trattamento diretto che l’inserimento manuale e la riparazione.
GlobalCollect: una soluzione di e-payment locale per i canali internazionali (clienti non presenti – customer not present) come Internet, posta elettronica, e ordini telefonici. Tramite una piattaforma di pagamento con interfaccia singola, l’azienda offre l’accesso ad un portfolio di metodi di pagamento locali, alternativi e internazionali in quasi 200 paesi e 170 valute.
MonetaWeb MonetaWeb: POS virtuale di Setefi S.p.A. (una società sussidiaria del gruppo Intesa Sanpaolo), progettata per aziende e professionisti impegnati nella vendita di prodotti e servizi a distanza. Gestisce pagamenti online attraverso i circuiti Money, Visa, Mastercard, American Express, Diners Club e JCB.
Paymill: consente alle aziende e ai servizi online di accettare i pagamenti tramite i propri siti web. Paymill è stata lanciata in Germania ad agosto del 2012 ed è stata estesa a 34 paesi europei a novembre del 2012.
PayPal Pro: permette ai commercianti di accettare transazioni con carta di credito durante gli acquisti effettuati tramite PayPal Pro. Gli utenti inseriscono i dettagli della propria carta di credito durante il processo di checkout e non lasciano mai il sito web del commerciante.
Phoenix Informatica Bancaria Spa: un’azienda italiana con oltre 56,000 terminali POS in tutto il paese. Phoenix Informatica Bancaria fornisce una soluzione per semplificare le procedure di accettazione del pagamento.
Gruppo SIA: progetta, crea e gestisce le infrastrutture e i servizi tecnologici per le istituzioni finanziarie e centrali, per le aziende e gli enti della pubblica amministrazione, per i pagamenti, per l’e-money, per i servizi di rete e per i mercati finanziari.
Wirecard: fornitore internazionale di soluzioni di pagamento elettronici e gestione dei rischi. Wirecard utilizza la propria banca come acquirente ed emittente di carte di credito in tutta Europa. Fondata nel 1999, Wirecard ha filiali in Europa, Medio Oriente e Asia.

Maggiori Acquirenti in Italia

I maggiori acquirenti in Italia sono: Setefi S.p.A, CartaSi, BNL Positivity, JCB International, Diners Club International e SOFORT AG.


Clicca ‘Mi piace’ e resta informato!

Vuoi un aiuto dagli esperti del nostro Blog?

Assistenza siti web
GUIDA WORDPRESS
Guida Wordpress
GUIDA WOOCOMMERCE
Guida Ecommerce Wordpress
GUIDA OPENCART
Guida Ecommerce opencart

Le Nostre Offerte

Abbiamo scelto di creare i nostri siti internet con WordPress e fornire ai nostri Clienti il massimo della affidabilità e della potenza di questa piattaforma CMS.

offerte siti wordpress

offerte siti ecommerce

assistenza wordpress

servizi seo

offerte hosting

Contattaci

Vuoi un preventivo personalizzato?
Vuoi maggiori dettagli?
Hai commenti?

Saremo lieti di risponderti!

Newsletter